ECM / In Evidenza

Cassazione: per le Asl nessun obbligo di garantire Ecm ai propri dipendenti

Cassazione: per le Asl nessun obbligo di garantire Ecm ai propri dipendenti

Cassazione. Per le Asl nessun obbligo di garantire Ecm ai propri dipendenti

La condotta dell’Azienda può essere censurata solo se abbia, ingiustificatamente, impedito ai medici la partecipazione alle iniziative di formazione continua, ma non esiste alcuna disposizione che la Asl a predisporre ed organizzare corsi di aggiornamento e formazione per i propri medici, né un diritto di questi ultimi di ottenere direttamente dall’Asl di appartenenza la promozione e l’organizzazione di tali attività. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 21817depositata il 20 ottobre 2011, spiegando che gli artt. 16 e 16 quater del Dlgs. n. 502 del 1992, nel prevedere una ripartizione della potestà legislativa tra Stato e Regione, non attribuiscono alle Asl alcuna autonoma titolarità, limitandosi queste a partecipare in via strumentale, previo accreditamento presso gli enti preposti (Commissione regionale per la formazione continua, Regioni e Province), alla realizzazione del programma di educazione continua in medicina (ECM), la cui gestione amministrativa è stata attribuita – con l’art. 2 della legge n. 244 del 2007 – all’Agenzia per i servizi sanitari regionali.
dipendenti

cassazione_530x0_90

 

Share This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Lost Password

Register